Zuppa di miso: come prepararla e proprietà



Eccola qui. Semplice. Essenziale. Un piatto che si prende cura della persona. Ti avvolge nel suo calore e piano piano agisce per farti sentire subito meglio.
Tutto rende speciale la Zuppa di Miso: gli ingredienti e la sua preparazione. Un percorso ripreso dall'universo, che ha una logica, che ha un ordine.
La zuppa di miso non è una zuppa qualsiasi. Non è un minestrone, che per quanto sia buonissimo, è buttato un po' lì, a caso, nel caos.
La zuppa di miso, nella sua semplicità, è coerenza e compostezza. E' rigore, ma non rigidità, che crea armonia e quella armonia ci nutre. 

Il miso si presenta come una pasta marrone, dal profumo delicato. Deriva dalla fermentazione di un legume (di solito soia, ma si trova anche di ceci), da sola o con dei cereali (orzo o miso), insieme a un po' di sale e a dei fermenti. 
Grazie proprio alla fermentazione è un prodotto ricco di probiotici e enzimi che arricchiscono la flora, tenendo pulito e in forza il nostro intestino, donandogli regolarità.
Aiuta la digestione e lo stomaco. Provatelo sicuramente dopo un'abbuffatta eccessiva!
Ma sostiene anche il sistema immunitario, migliorando le difese e rendendoci più reattivi contro i malanni stagionali.
Depura il sangue e disintossica l'intestino. 
E' inoltre un alimento proteico e fornisce tutto gli aminoacidi essenziali.
Non si deve cuocere, altrimento tutto il suo patrimonio di fermenti viene perso. Aggingiamolo a fine cottura, non solo nella zuppa di miso, ma in qualsiasi minestra, sostituendolo al dado, sciogliendolo in poco brodo o acqua.

Insieme al miso nella zuppa danzano le verdure, di mare e di terra.
Si utilizza l'alga wakame, ricca di sali minerali come calcio, ferro e magnesio e di alcune vitamine, come quelle del gruppo B.
L'alga compie due funzioni importanti: aiuta a eliminare le tossine e a sostenere il nostro metabolismo. Inoltre protegge le pareti dello stomaco, rinfrescandole e combattendo le infiammazioni.
Insieme al mare nella zuppa di miso ci sono le verdure di terra.
Si sceglie una radice, che ha preso la sua energia e le sue caratteristiche dalla profondità della terra. Si aggiunge una verdura tonda, che è cresciuta tra terra e cielo e infine delle foglie verdi, che dirigono la loro spinta energetica verso il cielo.
Magari può far sorridere chi ha un approccio con il cibo tutto scienza e tecnica, ma la grande armonia ed equilibrio che deriva da questa zuppa è il grande dinamismo che si realizza mettendo insieme tutte queste particolarità.
Tanto che alla fine, conclusa la nostra zuppa, ci manca un ultimo tocco: un leggero sapore piccante che come un piccolo soffio mette in movimento il tutto, magari aggiungendo un trito di prezzemolo fresco o qualche goccio di succo di zenzero.

La zuppa di miso dovrebbe essere preparata giornalmente. In realtà, nonostante tutta la sua sapienza, si prepara velocemente. Può essere preparata in diversi modi e variando le verdure. Arricchendola con soba o tofu.
Ecco come piace farla a noi.

ZUPPA DI MISO
1 cipolla tagliata a mezzaluna sottilmente
Foglie verdi (cavolo cappuccio, cavoloverza, broccolo, catalogna...) tagliate a listarelle
1 carota tagliata a dadini
2\3 cm di larga wakame
500 ml di acqua
1 c di miso a scelta per persona
zenzero o prezzemolo

Lavate l'alga sotto l'acqua e mettetela in ammollo per 15 minuti. Nel frattempo portate a bollore l'acqua.
E iniziate a tagliare le verdure.
Quando l'acqua bolle unite l'alga, che avrete tritato e dopo un paio di minuti aggiungete la carota.
Dopo altri 2\3 minuti aggiungete la cipolla e infine le foglie verdi.
Cuocete per pochi minuti ancora, mentre sciogliete il miso in poca acqua o in poco brodo.
Spegnete e aggiungete il miso diluito. (Assaggiate per capire se è abbastanza saporita per voi).
Versate nelle ciotole e spolverate con poco prezzemolo tritato o qualche goccia di succo di zenzero

Commenti

Post popolari in questo blog

I CORSI DI GENNAIO 2017

I CORSI DI DICEMBRE 2016

Le proposte di maggio 2017